Rassegna stampa

Il Vento e il Sole a Scuola – Edizione 2020

La visione del Progetto Green è di prendersi cura del mondo in cui viviamo, dalla creazione dei nostri prodotti – con le aziende che formano il nostro team – al loro uso nella società, alla diffusione della consapevolezza che soltanto dando esempio di responsabilità si possa vivere in un mondo migliore. Nel rispetto e nella tutela dell’ambiente che ci circonda ogni giorno, abbracciando tutto il mondo.

 

whatsapp-image-2019-11-22-at-8-42-15-am

whatsapp-image-2019-11-22-at-8-42-14-am

whatsapp-image-2019-11-22-at-8-42-14-am-1

whatsapp-image-2019-11-22-at-8-42-12-am

whatsapp-image-2019-11-22-at-8-42-12-am-1

 

L’equipe dei docenti della Scuola Manzi, di Pesaro insieme all’azienda Ergo Wind ha proposto un itinerario didattico multidisciplinare che si rivolge alla classi elementari ed affronta il tema dell’energia, nello specifico le fonti d’energia rinnovabili.

Inizia il quinto anno di attività insieme ai ragazzi. Un percorso che li porterà ad essere nuovi Energy Manager.

Chi è e cosa fa un energy manager

Un profilo aziendale che analizza i consumi e promuove l’efficienza energetica, con un occhio al risparmio e alle tematiche ambientali. È così che si definisce un energy manager, un consulente – che può essere sia interno che esterno all’organizzazione – utile soprattutto alle imprese dai consumi energetici elevati, le cosiddette aziende energivore. Vediamo da vicino chi è, cosa fa e quando deve essere nominato un esperto di energia aziendale.

Cosa fa un energy manager

L’energy manager monitora i consumi aziendaliindividua azioni di efficientamento energetico (sia in termini di gestione ottimale degli impianti esistenti, sia di nuovi investimenti), predispone attività di sensibilizzazione per il personale interno, coopera con altre funzioni aziendali (acquisti, gestione processi, appalti e comunicazione) per questioni legate all’efficienza energetica. A livello legislativo, le aziende del comparto industriale con consumi annui superiori ai 10.000 tep – tonnellata equivalente di petrolio – sono, e quelle degli altri settori oltre i 1.000 tep, sono obbligate alla nomina annuale del responsabile per la conservazione e l’uso razionale dell’energia. Questo incarico può essere svolto sia da un dipendente che da un consulente esterno.

Al di là degli obblighi di legge, l’esperto energetico riveste un ruolo sempre più importante per le aziende. Non solo può aiutare l’impresa a limitare i costi attraverso una riduzione dei consumi energetici, ma può contribuire nel tempo a migliorarne la competitività agendo su un uso efficiente delle risorse. Nelle grandi strutture la figura del responsabile energetico è equivalente a quella del soggetto responsabile del Sistema di gestione dell’energia, come definito dalla norma ISO 50001, e si configura come una funzione dirigenziale o comunque di livello adeguato allo svolgimento di tale ruolo.

I nostri giovanissimi ragazzi saranno preparati ad approfondire la tematiche energetica, sia teoricamente che praticamente, attraverso l’utilizzo di Smartino.

SmartTino rileva, attraverso sensori, temperatura, anidride carbonica, illuminazione dell’aula, acustica, presenza e temperatura esterna, il tutto per garantire un ambiente sano per i ragazzi che vivono la loro giornata scolastica sempre nella medesima aula.

I giovani alunni Energy Manager entrano in contatto ogni giorno con SmartTino e sono autonomi nella lettura dei dati e nella programmazione dello strumento.

Il Vento e il Sole a Scuola – Edizione 2020

Related Posts